Quaderni di stile e tendenze

         

            

            

 

02/09/2010

 

Designer’s Days, brevi scenari

    

Niels Denon

      

I Designer’s Days di giugno riuniscono per qualche giorno, in collaborazione con delle firme del mobile o della moda, diversi showroom parigini allo scopo di fare conoscere in Francia questa disciplina. Nel 2010 l’iniziativa celebrava i suoi dieci anni di esistenza con più di 66 luoghi aperti al pubblico che hanno aderito all’iniziativa per presentare le loro scenografie originali. Un’atmosfera teatrale e fiabesca profumava i luoghi. Impressioni in otto quadri.

 

La nobiltà del servizio, secondo Bulthaup - Il fabbricante di cucine Bulthaup ospitava una regia in chiaro-oscuro di Stéphanie Balini e Théophile Besson valorizzando la nozione del servizio di alta qualità. Una collaborazione con Domeau e Pérès per la creazione di un grembiule da cucina in pelle e con Michel Carel per un appendi-strofinacci

di metallo scolpito a forma di uccello.

            

                    

        Sketch: Cakedesign. Credit Photo: Thomas Mailaender. Courtesy: Oberflex & Marotte. 

Oberflex & Marotte, il palazzo incantato - « Lieu du Design » ha presentato una struttura Cakedesign, di cubi ricoperti in legno Oberflex, come i giochi per bambini, che conducono ad un riserva piena di modelli di rivestimenti alta-moda

Marotte firmati Lacroix.

     

         

Courtesy: Poltrona Frau

Poltrona Frau, il trono di termiti - François Azambourg ha avuto l’idea di rappresentare la poltrona del potere andando a cercare in Africa una termitiera (desertata dai suoi abitanti). Il trono era circondato da 10 poltrone storiche di Poltrona.

                        

                      

Courtesy: Roche Bobois.

Roche Bobois, cammuffamento – Autore di dieci nuovi comandamenti per una concezione pensata con il creatore di moda José Lévy, Roche Bobois ha annunciato tra l’altro « L’eredità del passato tu onorerai ». Illustrazione: la tavola da cucina della Collezione parigina è stata realizzata con lo stesso parquet utilizzato come suolo della boutique, una perfetta armonia cromatica!

     

  

   Francesco Catalano. Courtesy: Novoceram

   Novoceram, le facce di Mister X – Le dieci personalità de Mister X, anonimo parigino, sono alla base del concetto di Francesco Catalano di Novoceram. Queste vie parallele, tra fumetti e schizofrenia, evocano la facilità di posa delle sue piastrelle flottanti, che possiamo cambiare a piacere a secondo dell’umore.

     

          Courtesy: B&B Italia

Il cinema di B&B Italia – Lo spazio B&B presso Silvera è diventato, grazie all’intervento di Philippe Boisselier, uno spazio decorato in hotel in cui si proiettano dei film. I successi di Cinecittà ravvivano cosi le camere, i lounge, etc. L’illusione che le scene si riproducano in tre dimensioni non è poi così lontana.

     

         

Courtesy: Maxalto.

Maxalto, l’intimo condiviso – Marie Christine Dorner ha esposto l’ultimo decennio sotto forma di 10 nicchie, abitate dal fabbricante di mobili Maxalto, e gli accessori rappresentativi di ogni annata, in un’atmosfera di poesia intima.

          

           

Courtesy: Institut suédois.

Istituto Svedese, S. Bernadotte, sogno d’attore. L’istallazione di Broberg & Ridderstrale (BRDA) ha messo in risalto Sigvard Bernadotte, membro della Famiglia reale di Svezia di origini francesi. Lui che ha sempre accarezzato il sogno proibito di diventare un attore… alla fine è diventato un pioniere del design industriale in partenariato dal 1950 con l’architetto danese Acton Bjorn. Curatrice della mostra : Cathrine von Hauswolff.

           

            

            

             

27/08/2010

         

            

Ospitalità colorata

     

Pantone Hotel, Bruxelles . Yellow room. Courtesy: Pantone LLC.

             

Il Pantone Hotel di Bruxelles rappresenta la più grande vetrina dello specialista del colore. Dopo numerosi prodotti derivati, come il tazzone Pantone, spesso presente nei negozi d’oggetti di design e nei punti vendita culturali, è oramai possibile prenotare una camera Pantone. Con tariffe di pernottamento volutamente abbordabili, chiunque ha l’opportunità di scegliere il suo spazio in base alla scelta del colore. L’architetto Olivier Hannaert e i progettisti d’interni Michel Penneman hanno realizzato questo progetto con una sottile interpretazione: conservare un decoro bianco e aggiungere unicamente dei ritocchi di colori vivi, concepiti dal fotografo Victor Levy, per rendere uniche ognuna delle 59 camere e suite.

Elda Forest